Vantaggi coworking rispetto ad un ufficio tradizionale

Il mondo del coworking ha riscosso molti consensi negli ultimi anni. Rispetto ad un ufficio tradizionale, i vantaggi sono notevoli. Si è ormai instillato un cambiamento di prospettiva in materia di lavoro che ci ha reso più propensi al lavoro in team e per task, superando le canoniche 8 ore da ufficio in solitaria.

Tutta “colpa” del digitale?

Parola grossa, basterebbe modificare il nostro punto di vista per comprendere a pieno la direzione che il mondo del lavoro ha intrapreso negli ultimi anni. Parliamo, infatti, innanzitutto di un’evoluzione di tipo sociale, legata anche all’innovazione tecnologica e alla digital transformation

Ma in Italia siamo davvero pronti ad abbandonare la concezione dell’ufficio tradizionale? Il percorso è ancora lungo ma possiamo affermare che, negli ultimi anni, ci sia stato un leggero cambio di rotta, anche sociale, verso soluzioni più smart e flex come, ad esempio, proprio i coworking.

Vediamo alcuni di questi vantaggi.

Vantaggi coworking: flessibilità e convenienza

La prima cosa che ci viene in mente in materia di coworking è la flessibilità delle postazioni. Ogni coworking space è strutturato in modo da offrire alla community di coworkers postazioni di lavoro diversificate e personalizzabili.

In base alla capienza dello spazio, esistono molteplici soluzioni, che vanno dai singoli desk completi di ogni confort, ad interi uffici privati di diversa portata. 

Una tipologia di offerta che incontra le esigenze del lavoratore moderno, parte integrante di team di lavoro più o meno piccoli; e da questo punto di vista, ce n’è davvero per tutti gusti. Fra uffici singoli o più grandi e desk in open space, non si corre il rischio di restare a terra. Soprattutto da un punto di vista economico. 

Coworking: i costi rispetto ad un ufficio tradizionale

La domanda è: quando costa mantenere un ufficio privato tradizionale?

I costi di gestione sono molto alti, specialmente se pensiamo alle grandi città. Metropoli come Milano o Roma sono in pole position per l’alto costo di locazione degli spazi di lavoro. Se poi l’ufficio in questione è dislocato nei centri più nevralgici della città, i prezzi possono salire davvero alle stelle. E non sono le uniche spese.

Affitto e bollette pesano a fine mese e a questi dobbiamo aggiungere costi di manutenzione (ad es. tutta la strumentazione tecnica) e del personale. 

Uno scenario del genere ha un non so che di apocalittico; fortuna che esistono i coworking!

Sicuramente il risparmio sui costi è uno fra i vantaggi più ambiti. L’affitto degli spazi è strutturato in abbonamenti che possono variare in contratti giornalieri, mensili o annuali; finanche a ore. E questo è molto importante non solo perché contribuisce al risparmio, ma anche perché invita alla riflessione sull’effettiva qualità del lavoro moderno.

Perché scegliere il coworking: creatività, risparmio e networking

Il mondo del lavoro sta cambiando e, le prospettive future, sembrano andare nel senso opposto rispetto alle classiche 8 ore di fila in ufficio. Lo abbiamo anticipato nell’intro, ma vogliamo qui invitarvi a riflettere sulla direzione che il lavoro moderno sta prendendo (come orientarsi nel mondo del lavoro).

Se in passato davamo un taglio di tipo quantitativo all’attività professionale, in cui la regola aurea era “più lavori, più guadagni”, oggi il nuovo mindset è la qualità. E i coworkings ne costituiscono il paradigma perfetto. 

Anche grazie al supporto delle nuove tecnologie, siamo in grado di automatizzare processi e distribuire i compiti fra tutti i membri del team, lavorando da remoto e soprattutto in tempi diversi. Una realtà così dinamica trova nel coworking il suo epicentro.

E qui entriamo troviamo un altro grande vantaggio del coworking: l’importanza di fare networking e il valore dei contatti.

In un coworking abbiamo la possibilità, ogni giorno, di entrare in contatto con professionisti con cui scambiare idee, collaborazioni, visioni, ecc.

I vantaggi sono evidenti e in questi tipi di ambienti le occasioni di business si triplicano, soprattutto se teniamo in considerazione che i coworkings sono tendenzialmente organizzati per settori professionali

Inspiration is the key of productivity

Si vocifera che il design degli ambienti stimoli la creatività, e per una volta le voci hanno ragione! Un grande vantaggio del coworking è da ricercarsi proprio nella struttura fisica degli spazi, studiati per garantire il massimo del confort e rispondere alle esigenze pratiche dei coworkers.

Oltre una componente – che definiremo pratica – c’è tutto il discorso intorno alla produttività. Tanto più gli ambienti sono stimolanti e ispirazionali, maggiore sarà il reso da parte dei lavoratori che beneficiano di un setting così motivazionale.

Il levelup in coworking si misura con il confronto costante con gli altri, messi a proprio agio in un ambiente stimolante per la vista e rispondente a bisogni reali. 

Non a caso, i coworking sono diventati meta non solo di professionisti e startupper, ma anche di dipendenti della pubblica amministrazione.

Ecco una bella novità introdotta con l’intensificarsi dello smart working che ci racconta come anche la “Pubblica Amministrazione” si stia muovendo verso il lavoro agile, con la creazione di sedi distaccate e dipendenti in smart working presso spazi di lavoro decisamente più dinamici.

About Roberta Fabozzi

In principio, c’era una forte passione per il giornalismo. Poi si è espansa al mondo della comunicazione, e iI passo verso il marketing è stato breve. Oggi, il mio mondo è il Content Marketing (e i gatti).
View all posts by Roberta Fabozzi →