Stress da lavoro: 5 mosse per combatterlo e vivere meglio

I luoghi di lavoro sono i posti dove più si annida lo stress correlato alle tante responsabilità, le pressanti scadenze, un’insoddisfazione crescente che in molti casi può sfociare in patologie vere e proprie come la depressione. Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità lo è il male del XXI secolo, un problema di salute pubblica, mentre secondo un’indagine effettuata da Assosalute ben 9 italiani su 10 accusano sintomi collegati a questa patologia.

Cercare di combatterlo e vivere meglio, dunque, sono degli imperativi imprescindibili per chiunque pensi di soffrire di stress da lavoro. Ecco cinque mosse semplici da mettere subito in pratica per ottenere immediati benefici.

Individuare la fonte dello stress

Il primo passo per sconfiggere un nemico è sempre quello di riconoscerlo. Quindi per combattere lo stress da lavoro è molto importante capire quali sono le fonte di provenienza dell’ansia. Il clima in ufficio è ostile? Ci si sente sopraffatti dalle scadenze? La mole di lavoro è eccessiva per una sola persona? Una soluzione può essere quella di creare una lista di tutte le cose che generano ansia. Una volta che il problema sarà circoscritto alle singole situazioni, sarà più facile riuscire a trovare una soluzione ai singoli problemi o quanto meno ridimensionarne la portata. Spesso, infatti, la non consapevolezza genera ancora più ansia perché si tende ad ingigantire il problema quando non si riesce ad individuarlo perfettamente. Inoltre un ottimo consiglio è quello di evitare persone che si trovano a loro volta in una situazione di forte stress perché una ricerca del Politecnico di Dresda ha dimostrato che la vicinanza con persone stressate fa aumentare del 26% il livello di cortisolo nel sangue.

Pianificare gli impegni

Spesso lo stress nasce dai mille impegni che ognuno ha sul lavoro. Le aziende, infatti, tendono a massimizzare i profitti diminuendo anche il personale quindi ogni lavoratore, rispetto a qualche anno fa, è oberato da molte più incombenze. Questa situazione può destabilizzare e portare all’insorgere dello stress. Un consiglio, allora, è quello di pianificare con cura tutti gli impegni lavorativi. All’inizio di ogni giornata è importante fare l’elenco delle cose da fare così da suddividerle in urgenti e non urgenti ma anche separare quelle che necessariamente devono essere fatte in prima persona da quelle che si possono delegare. In questo modo sarà più semplice riuscire a dedicare il giusto tempo e l’attenzione necessaria alle attività più importanti, delegare quello che si pyò far fare agli altri ed evitare di soccombere a mille impegni che portano solo stress che non è lo stato d’animo migliore per fare bene le cose.

Mangiare bene

Lo stress da lavoro si combatte anche a tavola. Fare un pieno di folati e di vitamine, ad esempio, tiene lontano lo stress e migliora il buonumore. Vale la pena, allora, fare attenzione a quello che si mangia e magari approfittarne per prepararsi da soli i pasti a casa e, perché no?, consumarli al parco godendo dei primi raggi di sole. La dieta ideale per combattere lo stress a tavola è ricca di frutta e verdura di stagione e povera di grassi saturi, quelli contenuti nei grassi animali e nelle carni rosse. Vanno bene, invece, quelli insaturi che si trovano in frutta secca, pesce e oli vegetali. Non bisogna poi dimenticare la vitamina B che si assume con il latte, i piselli e le verdure a foglia verde e gli antiossidanti che sono abbondanti nella vitamina C ed E che si trovano in frutti rossi, agrumi, broccoli e kiwi. Una dieta anti stress, infine, deve prevedere abbondante acqua ed evitare alcolici e bibite troppo zuccherate che provocano l’effetto astinenza che peggiora l’umore e aumenta lo stress.

Concedersi tempo per se stessi

Nulla funziona meglio per combattere lo stress che concedersi del tempo per staccare la spina. Pur fra mille impegni, allora, è sempre importante ritagliarsi anche solo un’ora ogni giorno per fare qualcosa che dia piacere e soddisfazione. Può essere una passeggiata in un parco oppure una seduta di allenamento in palestra o ancora un caffè con un’amica. Staccare la spina e fare qualcosa che faccia felici sono delle piccole azioni che aiutano a ridimensionare il problema lavoro e soprattutto a tenere lontano lo stress. Anche durante il lavoro sarebbe opportuno fare delle frequenti e piccole pause per prendere un po’ di aria fresca e ossigenare il cervello. Se ciò non è possibile si può sfruttare la pausa pranzo per concedersi una passeggiata o vedersi con un conoscenze per fare due chiacchiere che siano rigorosamente lontane dagli argomenti di lavoro.

Fare meditazione per allontanare lo stress

Recenti ricerche del settore hanno dimostrato che fare meditazione aiuta ad allontanare lo stress. Molti specialisti del settore consigliano di fare yoga, un’attività molto connessa alla meditazione, che tiene in allenamento sia il corpo che la mente. In realtà va bene anche un semplice esercizio di meditazione che si può fare sdraiandosi sul letto (o meglio ancora su un prato), cercando di liberare la mente da ogni pensiero ascoltando solo i rumori intorno e quelli del proprio respiro. Qualche minuto di meditazione soprattutto nei momenti più stressanti della giornata oppure dopo un litigio sul lavoro aiutano sicuramente a tenere lontano lo stress e a vivere meglio.

Un ultimo consiglio che si può aggiungere a quelli fino ad ora elencati è quello di sorridere sempre. Può sembrare una banalità, invece ridere è il rimedio migliore contro lo stress, soprattutto se si pensa che, come diceva lo scrittore Mordecai Richler, per fare il broncio si muovono 72 muscoli mentre per sorridere ce ne vogliono solo 12 per sorridere. In effetti ridere migliora sia la circolazione che l’ossigenazione del sangue oltre al fatto che stimola la produzione di endorfine comunemente conosciute per essere l’ormone della felicità. Ridere, quindi, è il modo più sano e naturale per tenere lontano lo stress e vivere meglio.

,

About Davide

Copywriter per passione e, soprattutto, per lavoro. Scrivo articoli su diversi blog di settore su argomenti come Lavoro, Formazione, CV, Lavorare all’estero, Colloquio di lavoro e molto altro.
View all posts by Davide →